Vi presento Angela Bianchi

Vi presento Angela Bianchi

Oggi ho il piacere di presentarvi un’amica, Angela Bianchi che lavora come consulente d’immagine e personal shopper. Una donna dinamica e grintosa che lavora molto sul temi della diversità ed inclusione nel mondo della moda e del lifestyle

Chi è Angela Bianchi?
Sono consulente di immagine e personal shopper dal 2008, dopo aver seguito un corso di specializzazione presso l’Accademia del Lusso di Milano e altri approfondimenti mirati a Los Angeles. Ho aperto VirgoImage nel 2010 e ad oggi ho incontrato oltre 5000 clienti online e offline, italiani e stranieri. Dal 2013 propongo anche un format originale di formazione per chi desidera intraprendere questa carriera o approfondire alcune tematiche, in un full-immersion di 2 giorni teorico-pratico con cliente reale.
In quarantena ho lanciato l’iniziativa #ShopinYourWardrobe per valorizzarsi e dare un boost all’autostima anche in casa, sfruttando il proprio armadio come se fosse un negozio.
Mi hanno definita Diversity Stylist per le mie attività di sensibilizzazione e divulgazione sulle tematiche di diversità ed inclusione nel mondo della moda e del lifestyle. Scrivo per Divercity Magazine, sono tra le fondatrici di The Future of Fashion Inclusion, ho contribuito allo styling di Judy Heumann per gli Oscar 2021 e collaborato con Lachi e Zazel Chavah O’Garra, ho partecipato alle 4 weeks 4 inclusion di TIM con la conferenza Neurodiversità e Moda: Abilità e Opportunità e collaborato alla creazione del recente sondaggio sulla percezione delle diversità con InTribe.
Ho collaborato con aziende del calibro di Philips, Cosabella, Kiabi, Labiosthetique, Korff e tenuto workshop di approfondimento a favore di studenti presso per esempio Università Cattolica, Università Europea di Roma, Universidad Europea de Canarias, Collegio San Carlo Milano, European School of Economics.
Sono affascinata dall’effetto della giustapposizione di forme e colori e credo che il lusso di sentirsi e vedersi bene debba essere alla portata di tutti.”
Cosa fai nella vita?
Sono consulente di immagine e offro tutti i servizi dall’analisi stilistica, cromatica, riorganizzazione guardaroba e shopping. E faccio divulgazione su tematiche D&I legate a moda e lifestyle.

Cosa significa per te la parola moda?
La Moda è quell’insieme di linee guida che si traducono in colori, forme, tessuti e stili a rappresentazione visiva e creativa di un periodo storico.

Da quando e da cosa è nata la tua passione per la moda e per la creatività?
Onestamente non so se io abbia mai avuto la passione per la Moda, come viene intesa di solito. Mi è sempre piaciuto sperimentare con i vestiti e soprattutto con i colori. Ero sempre quella più colorata. Quello che mi ha sempre affascinato e in qualche modo impegnato, è da sempre stato l’aspetto più controverso della moda. Quello che invece di farti sognare ti ingabbia a causa dei canoni estetici imposti e troppo spesso difficili da raggiungere.
Avrò avuto 15 anni la prima volta che ho portato in classe il problema dell’aspetto fisico e di una moda che non si adattava alle forme di tutti.

Secondo te quali sono le nuove prospettive del futuro della moda?
Io credo che la moda, quella vera, quella creativa e promotrice della libera di espressione di sè rivoluzionerà il sistema tradizionale facendolo evolvere verso una moda veramente plurale e rispettosa delle esigenze fisiche e stilistiche di ogni persona. La community che si sta impegnando in questo senso cresce di giorno in giorno.

Cosa significa per te moda inclusiva?
Preferisco utilizzare il termine plurale. Una moda plurale crea per un pubblico più ampio, dai canoni estetici più diversi e dalle esigenze di vestibilità più svariate. Creatività, design, tecnologia ed ascolto saranno le chiavi per far sì che il sistema moda possa realmente far sognare tutt*, senza limiti. Il mio impegno come personal stylist è quello di far sentire adeguato e adeguata ogni mio/a cliente. Lavoro sul momento ricercando i capi che valorizzano ogni corpo.
Lavoro oltre le categorie, che considero innaturali e superate.
Come divulgatrice ricerco e scrivo con l’obiettivo di condividere la magia di un sistema che non si è dimenticato delle persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto