iSarTORIA, il progetto che sente di me

iSarTORIA, il progetto che sente di me

La guardo. Energia. Nel corpo e nello spirito. Erica, è lei il volto e la mente di iSarTORIA , un progetto nuovo e ambizioso.

iSarTORIA_8Lei, con i suoi occhi grandi e curiosi, i suoi capelli ricci e la sua aria sbarazzina sa cosa vuole e crede profondamente nel suo sogno, nel suo progetto, nella sua iSarTORIA.

L’avventura e la storia della fashion designer ha sede in Sardegna, tra Cagliari e Gonnosfanadiga… Così come afferma la creativa il suo progetto iSarTORIA è nato e si è sviluppato in modo alquanto inaspettata poiché Erica, una volta concluso il suo percorso universitario si è trovata – come la maggior parte dei giovani – a porsi la fatidica domanda “E ora che faccio? Qual è il mio posto?”

Lei, in parte spaventata, in parte incerta sul suo futuro e su cosa volesse fare, ha deciso di cercare la sua strada, fiduciosa di comprenderla e di seguirla. Guidata dalla sua determinazione e volontà Erica ha scelto di ideare e sviluppare un progetto tutto suo, un’idea capace di unire e coniugare le sue esperienze scolastiche e passioni. Erica ha frequentato il liceo artistico, percorso che ha affinato e incrementato la sua creatività,  e, successivamente, per mezzo degli studi universitari ad Alghero ha sviluppato una particolare sensibilità verso territorio, l’ambiente, il sapere e le tradizioni… da questa unione e contaminazione è nata iSarTORIA…

iSarTORIA_3

Scopriamo Erica e la sua iSarTORIA… 

Come è nata la tua passione per la moda e in particolare per il mondo della moda… “Se devo essere sincera mi risulta complesso identificare un periodo o un momento della mia vita in cui ho concretamente capito e realizzato quanto fossi veramente appassionata e legata a questo mondo. È stato poco più di un anno fa che ho effettivamente compreso consapevolmente, e ho scelto con testa e cuore, di voler intraprendere un’avventura nel campo della moda. Sin da quando ero piccolissima ho scarabocchiato pagine, che poi sono diventati quaderni, pieni di abiti abbinati con scarpe e borse… un insieme di prodotti che immaginavo per le singole persone che mi circondavano; colorati e spesso corredati di pezzi di tessuti o ritagli di giornale, per rendere meglio l’idea di quanto volevo rappresentare. Mi piace, quindi, pensare di essere creativa e avere quest’indole per la moda e la sartoria nel sangue, come una sorta di “sapere” insito nel mio DNA. Una sorta di eredità: i miei bisnonni avevano una loro sartoria, mentre le mie nonne, mia madre e mia zia si dilettavano – per passione – con ago e filo. È grazie a loro se a quindici anni ho realizzato e indossato il mio primo vestito…ora, riguardandolo, penso di essere stata coraggiosa ad averlo fatto.”

Raccontaci l’inizio della tua carriera… “Definirla una vera e propria carriera mi sembra prematuro. Per orasto portando a termine un percorso di studi iniziato un anno fa, un corso di modellistica e sartoria a Cagliari. Mi rendo conto che questo percorso è appena iniziato e che la strada che mi attende è lunga e faticosa, ma motivazione ea determinazione non mi mancano. Sulla base di questi due elementi ho deciso di cimentarmi nella realizzazione di capi su misura, dapprima per me e poi studiati e personalizzati in base alle richieste delle clienti e alla loro personalità. Trovo stimolante ricercare e studiare di volta in volta forme, linee e modelli unici.”

Chi sceglie il tuo brand? Cosa vuoi comunicare tramite le tue creazioni?“I valori alla base del mio progetto sono: esclusività, qualità, ricerca, design e memoria. Tutti questi aspetti insieme definiscono quello che considero innovazione, non solo intesa nella filiera produttiva, ma anche, e soprattutto, verso l’approccio al progetto, al carico di significati che un manufatto raccoglie e sprigiona. Chi sceglie iSarTORIA è colui che consapevolmente vuole essere unico e raccontare sé stesso attraverso un outfit e il modo con cui lo indossa.”


Quali sono le principali sfide e difficoltà che una fashion designer come te deve affrontare quotidianamente? “Essendo una realtà molto piccola, mi torvo a dover affrontare e seguire da sola ogni aspetto dell’attività. Mi rendo conto che non avendo fatto un percorso di studi in fashion, devo affrontare tantissime lacune, pratiche e teoriche, colmabili con il tempo unito a tanta pratica e studio. Altra sfida quotidiana è la ricerca di materia prima di qualità per garantire un’ottima resa dei capi…”

Ogni tuo pezzo è unico, pensato, voluto e realizzato con minuzia e dedizione. a quale linea/prodotto sei più legata? “Oggi capo è frutto di una chiacchierata con ogni cliente, atta a capire e definire meglio un modello piuttosto che un altro…”

A quale target di clientela ti rivolgi? “Il target è molto ampio. Dato che realizzo abiti su commissione le richieste possono arrivare da qualsiasi donna desideri avere un capo studiato ad hoc per lei, in base alle sue esigenze e all’occasione d’uso.”

Progetti per il futuro? “iSarTORIA è volto alla creazione di un brand moda dal design innovativo che mira a individuare e definire una rete di collaborazione tra le diverse figure artigianali presenti in Sardegna. La visione è la commistione di saperi che si scontrano e dialogano per trovare un punto di incontro che si tramuta in manufatti unici e di elevatissimo pregio. Storealizzando il sito e parallelamente la linea streetwear per il prossimo inverno.”


Attualmente dove possiamo trovarti e acquistare le tue creazioni?
“Oggi è visionarli sui miei social Facebook e Instagram e potete contattarmi tramite mail info@isartoria.com.”

iSarTORIA_5

 

 

42 commenti su “iSarTORIA, il progetto che sente di me

  1. Io ho lavorato nella moda per 15 anni. Facevo la stilista per un’azienda. Stimo molto chi ha il coraggio di buttarsi così in questo mondo

  2. E’ sempre bello leggere di persone che si impegnano per portare avanti un progetto in cui credono e Erica è molto brava in ciò che fa. Belli i suoi capi unici, diversi dal solito. Immagino non sia facile sfondare in questo settore ma con la tenacia sono certa che la sentirò ancora!

  3. Ecco, cucire è una delle mie passioni! Ora non ho più tempo ma in passato ho fatto anche un corso e ogni tanto riesumo la mia amata macchina da cucire per rilassarmi un po’!.

  4. Molta stima per chi sa cucire e creare abiti da scampoli di stoffa. Di qualità. Il mio massimo è rimettere un bottone staccato, puoi capire l’ammirazione per chi ha questo talento. Bravissima!

  5. Io adoro tutto ciò che è artigianale…. racchiude passione, creatività ed unicità…. poi se aggiungiamo che è Made in Italy….

  6. Dalle foto mi sembra di intravvedere uno stile giovane e informale. Credo sia il modo migliore per cominciare. Lei è molto giovane e disegna e crea quello che può indossare in prima persona. Non c’è niente di meglio per capire i gusti del proprio pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto