La bellezza di Leonardo

La bellezza di Leonardo

Gli incontri d’arte mi affascino.

Sin da quando ero piccina ho amato lasciarmi ammaliare dalla bellezza, che si mesce all’heritage e ai valori, che sono condensati in quei tratti d’arte e di stile.

Lo ammetto, provo una sensazione di quasi culto dinnanzi ai lavori dei grandi maestri che hanno saputo concretizzare il loro talento rendendo visibili le loro intuizioni.

La pittura. La amo, da sempre.

L’ho annusata nell’ambiente quotidiano, mentre mio padre impugnava pennelli e acquaragia… percepisco ancora quel profumo che molti definirebbero “puzza”. È il profumo dell’ispirazione e della creatività.

Arte/Dopo 30 anni la Madonna Litta di Leonardo torna in mostra a Milano

Reputo di essere fortunata perché ho conosciuto questo mondo, questa realtà che cerco di coltivare vivendo e gustando momenti, scorci d’arte.

Ho una vita frenetica, ma ho scelto di farmi un regalo. Il tempo. Piccoli attimi per assaporare il bello.

Oggi vi parlo di Leonardo. Lui, il genio italiano per antonomasia.

Poliedrico e raffinato ha sviluppato tecnica, forma e bellezza. Elementi che si uniscono e plasmano in tutte le sue opere da quelle tecniche (e forse tecnologiche) sino a quelle connesse all’immagine, alla raffigurazione, al ritratto.

Oggi Leonardo è al Museo Poldo Pezzoli.

A Milano, in una esposizione temporanea direttamente organizzata da Regione Lombardia e Comune di Milano con il supporto della Fondazione Bracco.

Lei, la Madonna Litta è stata esposta presso il Museo Poldo Pezzoli immersa tra una ventina tra dipinti e disegni di raffinata qualità – provenienti dalle collezioni pubbliche e private di tutto il mondo, eseguiti da Leonardo e dai suoi allievi più vicini (da Giovanni Antonio Boltraffio a Marco d’Oggiono, dall’ancora misterioso Maestro della Pala Sforzesca a Francesco Napoletano).

L’opera domina con il suo fascino e il suo pathos l’ambiente. Non servono parole. Basta osservarla, in modo attento per cogliere il dialogo profondo tra la Madonna e suo figlio. Un dialogo apparentemente univoco della madre al bambino, ma dove il messaggio del figlio voleggia nell’ambiente apparentemente ovattato da un’aurea celeste.

L’abilità di Leonardo pone la sacralità della rappresentazione nella quotidianità delineando queste due figure sacre nella vita e nella sua grande concretezza dell’essere umano e nella fisicità del corpo.

https://museopoldipezzoli.it/tutti-gli-eventi/leonardo-e-la-madonna-litta/

maxresdefault
 

24 commenti su “La bellezza di Leonardo

  1. L’amore per l’arte spesso viene tramandata dai genitori che sin da piccoli fanno vivere musei e mostre ai figli. Ma la si puo’ coltivare anche da adulti quando si viene affascinati da un dipinto, una statua, un’opera d’arte qualsiasi che fa da imput a questo mondo meraviglioso. Leonardo è ovviamente un mito indiscusso del nostro patrimonio nazionale e mondiale.

  2. in qualsiasi città io vada cerco sempre un museo per vedere le opere d’arte…un viaggio sensoriale che adoro

  3. Leonardo sarebbe felice di sapere che in un tempo come questo, molte persone hanno il modo di riscoperire il fascino della sua are attraverso un mezzo potente come il web, un bellissimo dipinto dal valore inestimabile, che è possibile riscoprire grazie anche alla tecnologia.

  4. L,opera è molto bella e affascinante anche se preferisco in verità “La Vergine delle rocce” con la circolarità degli sguardi. Ho avuto come prof di storia dell’arte un critico d’arte che è riuscita a farci amare l’arte.

  5. Amo anche io l’arte e Leonardo ne è un grande artefice forse il più geniale, bellissima questa opera!

  6. La capacità di Leonardo di cogliere la sacralità e l’umanità delle figure della Madonna e di Gesù rende la “Madonna Litta” un’opera straordinaria.
    Sarebbe bello poterla ammirare dal vivo.
    Maria Domenica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto