Le condizioni di lavoro nel settore moda

Le condizioni di lavoro nel settore moda

I salari attuali erogati dalla maggior parte dei produttori di abbigliamento sono al di sotto del salario di sussistenza (salari non sono tali da soddisfare i bisogni primari dei lavoratori) e vanno a violare un diritto umano universalmente riconosciuto. Se da una parte molti marchi stanno promuovono salari equi lungo la catena del valore, la condizione di non equità permane.

Uno degli ostacoli strutturali è che i marchi di moda non controllano direttamente i salari dei lavoratori ma dipendono dai loro partner della catena di approvvigionamento. Nonostante questo, i marchi potrebbero lavorare coi loro partner per promuovere un equo compenso

e migliori sistemi salariali sostenendo pratiche di acquisto eque.

Bisognerebbe favorire un dialogo tra sindacati e datori di lavoro lungo tutta la catena del valore della moda, questo dovrebbe essere rivisto annualmente e adattato se necessario.

La situazione del settore è stata aggravata dalla pandemia di coronavirus, sono stati cancellati ordini pari a 40 miliardi di dollari, e molti fornitori hanno licenziato ma trovandosi in una condizione di incapacità di fornire indennità di fine rapporto.

Di conseguenza, i lavoratori hanno sopportato l’onere economico più pesante.

L’attuazione di migliori sistemi salariali deve essere pianificata in modo da riflettere le esigenze di tutti gli stakeholders. Un sistema che si basa su uno stipendio migliore garantirebbe il miglioramento dei mezzi di sussistenza dei lavoratori portando anche vantaggi per i marchi e i loro azionisti in quanto si ridurrebbe il rischio d’impresa e i lavoratori sarebbero più motivati e fedeli.

I marchi di moda da soli non saranno promuovere salari migliori sistemi in tutto il settore e devono, quindi, agire di pari passo con rivenditori, fornitori, sindacati, governi e ONG.

È necessario lavorare su quattro aree:

  1. Adottare pratiche di acquisto più responsabili che riflettano i costi di manodopera diretti e indiretti nei pagamenti dei fornitori e sostegno di partnership a lungo termine con i produttori.
  2. Consentire la libertà di associazione e promuovere un ambiente in cui gli accordi di contrattazione collettiva aiutano a garantire ragionevole crescita salariale.
  3. Promuovere la parità salariale mettendo in atto meccanismi per consentire a tutti i lavoratori di avere adeguati salari e benefici indipendentemente da sesso, razza e nazionalità.
  4. Promuovere la protezione e la sicurezza salariali e implementare processi e politiche di uscita dell’ordine responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto