MAFRIC: moda e Africa

MAFRIC: moda e Africa

Innovazione solidale e moda

 MAFRIC è un progetto, è una startup. È il sogno e l’obiettivo di Giovanni Lucchesi; milanese doc. Il giovane imprenditore, ha una formazione classica, ma poi, spinto dalla sua passione
per le relazioni umane e per le diversità culturali, ha scelto di studiare scienze politiche e Relazioni internazionali all’università.

In questi anni Giovanni si è prodigato nell’ambito del volontariato, con particolare riferimento a quello con un connotato cattolico. In particolare, il giovane ha avuto ruoli educativi sia all’interno dell’ambito parrocchiale territoriale che a livello diocesano con l’Azione Cattolica. Queste esperienze lo hanno forgiato anche a livello umano.
Terminata l’università Giovanni si è buttato in una esperienza missionaria forte: servizio civile in Zambia. Qui ha lavorato per un anno a Livingstone in un centro scolastico professionale per ragazzi
Svantaggiati dando un concreto supporto ad una falegnameria e ad una sartoria interna alla scuola.
In particolare, nella sartoria realizzavano alcuni semplici accessori che vendevamo ai turisti che venivano a visitare le cascate.
Questa esperienza ha portato Giovanni ad innamorarsi dei tessuti wax, con le loro fantasie colorate, al pinto che tornato in Italia ha pensato ad un modo per far fruttare la sua esperienza.
La soluzione è stata l’unione tra Milano e la moda. Un obiettivo ha guidato il giovane: sviluppare un messaggio di multiculturalità tramite il fashion!

MAFRIC

Da qui nasce MAFRIC alla base del quale emerge una visione di moda etnica etica. MAFRIC vuole essere un contenitore e moltiplicatore per micro realtà.
Un brand che ha come obiettivo creare una rete di micro e medie sartorie sociali, ognuna con le proprie specificità, fornendo un respiro più ampio a realtà che altrimenti difficilmente potrebbero farlo.
 
 

24 commenti su “MAFRIC: moda e Africa

  1. Adoro la maoda etno specialmente le camicie la trovo di una bellezza e dei colori sfolgoranti e di tanta vivacità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto