Moda e innovazioni digitali

Moda e innovazioni digitali

La pandemia ha accelerato l’adozione dell’e-commerce, con le vendite online di abbigliamento, accessori e calzature che hanno raggiunto i 180,5 miliardi di dollari nel 2021 e le stime del settore saliranno a 295,7 miliardi di dollari entro il 2025, secondo i dati di Statista. Tale crescita sarà probabilmente spinta da innovazioni che aiutano i consumatori a fare acquisti in modo più intelligente, sostenibile e personalizzato.
Ecco alcuni modi in cui le aziende stanno già trasformando il mondo della moda attraverso nuovi sviluppi digitali.

1. Abilitare le prove virtuali
Più ordini di abbigliamento online significano più resi, il che crea un serio problema di sostenibilità, sia dal punto di vista finanziario che ambientale, afferma Whitney Cathcart, 55 anni, co-fondatrice di 3DLOOK, la società di prova virtuale B2B con sede a San Mateo, in California. Fondato nel 2016, 3DLOOK consente agli acquirenti online di creare un avatar personalizzato inviando foto 2D. Con il loro avatar, ricevono consigli personalizzati su vestibilità e taglie. L’obiettivo, dice Cathcart, è aiutare le persone a comprare vestiti che sanno che si adatteranno davvero e avranno un bell’aspetto, anche quando non c’è un camerino in vista. “Calcoliamo oltre 86 punti di misurazione sul corpo umano e questo diventa la base per le nostre raccomandazioni sulle dimensioni”, afferma.
Oggi, 3DLOOK ha circa 100 clienti, inclusi marchi di moda come 1822 Denim e Dickies, e ha raccolto circa 15 milioni di dollari di finanziamenti. La sfida più grande per crescere, afferma Cathcart, è assumere più venditori e acquisire più clienti. Ma è fiduciosa che la domanda non farà che aumentare. “Se pensi a come faremo acquisti tra un decennio, non staremo seduti sui nostri computer, chiedendoci quale sia la nostra taglia: gli articoli ci verranno serviti in 3-D”, dice . “La trasformazione digitale nei prossimi 5-10 anni sarà ipnotizzante”.

2. Aiutare i marchi a valutare la domanda
Come evitare di avere un sacco di inventario invenduto alla fine di una stagione? Sapendo esattamente cosa vogliono i tuoi clienti e comprendendo meglio come non sovracompensare o sottocompensare la domanda. FashWire, un’app per lo shopping con sede a Seattle fondata nel 2018, mira a farlo gamificando l’esperienza di acquisto per il cliente. Gli utenti possono scoprire capi di abbigliamento e accessori di oltre 400 marchi e designer globali e votare se gli piacciono o meno con pulsanti non dissimili da quelli che potresti trovare su un’app di appuntamenti. I dati estratti da queste interazioni degli utenti vengono condivisi con i progettisti del sito, che li utilizzano per comprendere meglio le preferenze dei clienti, consentendo loro di guidare la conversione sui propri siti web. FashWire raccoglie una commissione di affiliazione del 15% dagli acquisti guidati dalla piattaforma e non addebita ai designer l’iscrizione.
FashWire afferma inoltre che la sua tecnologia migliora l’esperienza di acquisto degli utenti. “Le nostre capacità di intelligenza artificiale visiva forniscono consigli accurati basati sul comportamento e sugli interessi passati degli utenti e utilizziamo anche l’intelligenza artificiale per migliorare continuamente i nostri strumenti di ricerca e rilevabilità sulla nostra piattaforma”, afferma il fondatore e CEO Kimberly Carney, 53 anni.

3. Rendere lo shopping più personale
La fatica dello shopping è qualcosa che la 52enne Julie Bornstein, fondatrice e CEO dell’app per lo shopping con sede a San Francisco The Yes, ha sentito personalmente. La veterana dell’e-commerce ha fondato la sua azienda nel 2018 per aiutare i clienti a trovare l’abbigliamento che realmente desiderano senza dover setacciare pagine e pagine di risultati di ricerca. Gli utenti rispondono a un quiz sullo stile quando si iscrivono alla piattaforma e più interagiscono con la piattaforma, meglio comprende il loro stile, grazie all’apprendimento automatico. The Yes presenta articoli di centinaia di marchi contemporanei e mostra agli utenti solo articoli disponibili nella loro taglia, tra le altre caratteristiche qualitative. Fondamentalmente, si traduce in un’esperienza di acquisto altamente personale. “Aggiungiamo circa 500 attributi a ciascun prodotto proveniente dal catalogo di un marchio in modo da comprendere il prodotto”, afferma Bornstein. “Quindi, usiamo l’intelligenza artificiale per capire il consumatore”.
The Yes prende il 25 percento da ogni vendita sul sito e non richiede ai marchi di pagare costi di iscrizione o di stoccaggio, quindi non è proprio un concorrente per grandi rivenditori come Shopbop o Nordstrom (dove Bornstein ha lavorato all’e-commerce per cinque anni). Ad oggi, la società ha raccolto circa $ 30 milioni.

4. Creare un sistema moda più circolare
La maggior parte delle persone tende a indossare una piccola parte del proprio armadio, afferma Nicole Kobilansky, 36 anni, CEO e co-fondatrice dell’app di moda Storey con sede a San Francisco. Quando ha lanciato l’app nel 2021, il suo obiettivo era convincere le persone a riscoprire i vestiti e gli accessori che già possiedono, rendendo allo stesso tempo più facile per loro rivendere gli articoli con cui sono pronti a separarsi. Gli utenti creano versioni digitali dei loro guardaroba caricando manualmente le foto degli articoli o utilizzando le funzionalità di intelligenza artificiale dell’app per scansionare la loro posta elettronica per acquisti di abbigliamento online. Da lì, possono creare collage di abiti, rivendere articoli e pubblicare foto di abiti, in cui gli articoli vengono automaticamente taggati, fornendo agli utenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto