Respiro la mia passione, Isabella

Respiro la mia passione, Isabella

Non è mai troppo tardi per seguire i sogni e per respirare le proprie passioni, Isabella lo sa bene.
Oggi lei è felice, i suoi polmoni sono pieni di moda, creatività ed artigianato.
Nonostante Isabella ami profondamente il mondo della moda sin da quando era bambina, solo ora ha effettivamente trovato la spinta giusta per seguire e vivere la sua aspirazione.
Conosciamo insieme Isabella, tramite le sue parole…
“La passione per la moda l’ho respirata già quando ero piccola…
Sono di origine biellese, mi ricordo – come se fosse ieri – quando mia madre, che indossava solo capi realizzati dalla sarta, mi portava a vedere le vetrine di Galtrucco in via Roma a Torino e a comprare la vigogna per farci fare i cappotti a Biella. Era una donna molto elegante, indossava gonne a pieghe, giacche con il collo alla coreana e portava le calze anche durante i mesi estivi.
isb2
Anche mio padre si faceva confezionare abiti fatti a mano, su misura ed eleganti (ammetto di non aver mai visto mio padre con dei pantaloncini corti)… Sì, mio padre era bello ed elegante, ma soprattutto era un modellista di calzature, ha realizzato numerosi modelli di scarpe e ha creato una rivista con il suo nome, Miro Abbà, pubblicata fino al 1989 (data della sua scomparsa). Mio padre era un vero artista: lo ricordo con il carboncino sempre tra le mani.
La mia passione per la moda e per i tessuti è, quindi, nata in questo ambiente, avrei voluto coltivare questo amore con gli studi, ma purtroppo non ho potuto frequentare le scuole e i corsi che davvero desideravo (era appena stato istituito lo IED), in quanto mio padre si ammalò gravemente e preferì che intraprendessi un percorso di studi che mi desse l’opportunità e la sicurezza di lavorare in campo amministrativo.
Ho comunque sempre mantenuto in tutti questi anni un forte interesse per tutto quello che concerne l’arte e la moda. 


Il mio è un amore per la cultura, amore per la pittura, la fotografia, l’arredamento, il cinema.
Inoltre, lo ammetto, ho una passione viscerale per gli accostamenti eclettici, amo i colori e i fiori e ho interesse per tutte le persone che creano qualcosa con le proprie mani.
Fino a poco tempo fa quella per la moda e per l’arte era una passione che però non trovava una completa concretezza pratica.

Avvenne per caso il mio “tutto nelle moda” … Cinque anni fa, un incontro casuale con la scuola Arte e Moda di Torino, mi ha permesso di intraprendere un nuovo percorso: ho iniziato un corso amatoriale di sartoria e a confezionare abiti, inizialmente per me, imparando così le tecniche sartoriali che ho poi applicato per realizzare quello che mi piace di più, le borse.
Sono un’artigiana handmade a tutti gli effetti, tutto quello che creo è interamente realizzato con le mie mani. Disegno e creo borse e vestiti che piacciono innanzi tutto a me, non cerco una clientela particolare, ma persone che si ritrovino in quello che faccio.
Nella vita ho sempre perseguito la regola delle tre t: talento, tenacia, tolleranza.
Ho chiamato il mio brand Madamine, in omaggio alla mia città che amo profondamente, e solo pochi mesi fa l’ho trasformato in Madamine#6, in ricordo di uno splendido sorriso che non c’è più. 
Investo molto nella ricerca dei materiali poichè il mio punto di partenza è la qualità, sono convinta che sia fondamentale per ottenere manufatti di un certo livello.
Dove trovare le mie creazioni? Su Facebook e su Instagram, i miei prodotti si possono acquistare contattandomi via e-mail (isabella.abs@libero.it) o partecipando agli eventi che pubblico sulle mie pagine Facebook e Instagram.
Adesso sto cercando di acquisire una maggiore visibilità online e desidero far trasparire anche tramite il web la mia passione per l’arte, perché quello che io faccio davvero non è tanto pubblicare e condividere vestiti, ma ciò che davvero mi piace.”

25 commenti su “Respiro la mia passione, Isabella

  1. Questi abiti sartoriali fatti a mano trasmettono tutta la tenacia e la passione di questa bravissima imprenditrice! Complimenti davvero!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto