Tessuti tessili sostenibili e circolari

Tessuti tessili sostenibili e circolari

Vogue ha fornito un aggiornamento sull’ultima strategia dell’UE per i tessuti tessili sostenibili e circolari. La strategia mira a “rendere i tessuti più durevoli, riparabili, riutilizzabili e riciclabili, a contrastare il fast fashion, i rifiuti tessili e la distruzione dei tessili invenduti e garantire che la loro produzione avvenga nel pieno rispetto dei diritti sociali”.

 

Sebbene la proposta suggerita sia lungi dall’essere ottimale, aggiunge il necessario supporto normativo per garantire che i passi intrapresi dalle aziende di abbigliamento siano più sostanziali. Allo stesso tempo, la sfida chiave rimane il contesto mancante: le aziende possono produrre e vendere vestiti che sono più durevoli, riparabili, riutilizzabili, riciclabili e socialmente giusti, e continuano ad aumentare la loro impronta e il loro impatto.

 

In altre parole, circolarità non significa sostenibilità purché sia ​​radicata in un sistema che privilegia la crescita e la massimizzazione del profitto rispetto a considerazioni di sostenibilità. Dobbiamo iniziare ad affrontare questo contesto con maggiore chiarezza, altrimenti potremmo finire per fare la cosa giusta, non quella giusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto