That’s Frida, il mio progetto

That’s Frida, il mio progetto

Frida, giovane e passionale, è l’anima, l’imprenditrice alla base dello store online con il medesimo nome, That’s Frida.

Lei, trentatré anni, bolognese ha una spiccata dedizione e attenzione per la moda, elementi che l’hanno guidata nella scelta di creare il suo negozio, il suo disegno imprenditoriale…

Conosciamo insieme Frida…

Come è nata la tua passione per la moda?  La mia passione per la moda si basa sulla mia forte volontà di poter sempre indossare capi ben fatto eleganti e alla moda, ma allo stesso tempo accessibili a tutti (sia dal punto di vista economico e che della loro reperibilità).

Cosa ti ha portato a decidere di iniziare la tua attività imprenditoriale? La forte e vera determinazione di riuscire ad offrire sempre prodotti di qualità a prezzi modici, accessibili a tutti.

Quale tipologia di prodotti tratti? Mi sono focalizzata sull’abbigliamento e, in particolare, su quello per la donna. Inoltre, tratto anche una serie di accessori, sempre per la donna.

Quale è il tuo target clienti? Oggi target è ampio è rappresentato da donne. Mi propongo prettamente ad un target femminile – come genere – poi, ovviamente, per quanto riguarda le età spazio da quelle più giovani che hanno dai 14 ai 16 anni fino ad arrivare alle donne sui 60-65 anni.

Cosa dicono di te? Tendenzialmente affermano e riconoscono come rimangono sorprese dopo l’acquisto per la qualità del capo. Tutti gli abiti e gli accessori che propongo sono rigorosamente Made in Italy. La qualità è quindi sempre una loro caratteristica distintiva nonostante alla base ci sia un budget economico ridotto.

Quali sono le maggiori sfide e complessità che devi affrontare nello svolgimento della tua attività? Reputo che oggi la vera e continua sfida sia quella di riuscire ad essere sempre aggiornati, incuriosendo in modo costante il cliente finale riuscendo però proporre capi di qualità e low cost. Credo che oggi i competitor del settore siano davvero tanti e agguerriti ed è proprio per questo motivo che è necessario cercare di offrire sempre il massimo con l’e-commerce poiché ormai la vendita si svolge per lo più online oggi.

Progetti per il futuro? La vera novità del 2020 è la mia volontà di sviluppare il sito che oggi è in fase di elaborazione. Per quanto riguarda i progetti futuri diciamo che ambisco ad avviare una iniziativa di donazione e sensibilizzazione a fondazioni e associazioni umanitarie per chi acquista i nostri capi.

20 commenti su “That’s Frida, il mio progetto

  1. I capi sono molto belli e versatili. Credo però che l’e-commerce sia importante sopratutto ora che le persone preferiscono fare i loro acquisti online, considerati anche i costi.

  2. Complimenti per il progetto imprenditoriale! Credo sia un target ampio e proprio per questo il progetto sia affascinante!

  3. Complimenti per lo spirito imprenditoriale ma anche e soprattutto per la volontà ed il talento di rendere concreto il progetto “That’s Frida”. Apprezzo inoltre molto l’idea di legare l’acquisto di vestiti e dei capi alle associazioni umanitarie.
    Maria Domenica

  4. Sempre bello leggere di persone appassionate e coraggiose che portano avanti il loro progetto per costruire qualcosa in cui credono, nonostante le sfide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto