Creaturas la mia forma d'arte viva, Elisa

Creaturas la mia forma d'arte viva, Elisa

Amore per l’arte visiva, la forma, la vita e la natura. Questa è la sintesi di Elisa.

Elisa Bassu, trentenne sarda, nata e cresciuta in un piccolo paese dell’entroterra, Orgosolo, conosciuto per i suoi bellissimi murales. Questi designi che caratterizzano le sue origini e la sua vita hanno un ruolo importante nella concezione della vita di Elisa. Lei stessa afferma “La visione quotidiana di questi dipinti sui muri, di questi murales, ha contribuito in modo significativo a suscitare in me il grande amore per l’arte in ogni sua forma, ha guidato le mie scelte in ambito scolastico e non solo.” La designer ha frequentato l’Istituto d’arte di Nuoro, indirizzo Moda e costume e un corso in ambito artistico all’Università di Firenze, città dove ha scelto, approfondito scoperto il suo amore ed interesse la bellezza.

Oggi Elisa è una giovane fashion designer eclettica che ambisce a dare vita alle sue idee, alle sue ispirazioni facendo vivere e rivivere la natura nei capi che prendono vita una volta indossati.

Ascoltiamo la storia di Elisa…

Come è nata la tua passione per la moda? “La passione per la moda fa parte di me, di Elisa. Questo amore e attenzione è un elemento, un aspetto della mia vita che mi accompagna letteralmente sin da quando ero piccola. Mi ricordo bene che mi incantavo ad osservare gli abiti sulle riviste, le sfilate alla tv e disegnavo donnine dalla faccia schiacciata abbigliate come dame dall’animo un po’ punk e dalle zeppe vertiginose degne delle Spice Girls. Mia madre mi racconta sempre che quando avevo quattro anni mi trovò intenta a tagliuzzarmi – con un paio di forbici – il pigiama indossavo in quanto tentavo di copiare gli strappi sui jeans delle modelle che avevo visto alla televisione. Non mi interessavano e nemmeno pensavo ai rischi che avrei mai potuto avere, creare, volevo solo creare…”

Raccontaci l’inizio della tua carriera come fashion designer…“Ad oggi credo che il mio percorso nel mondo della moda sia un percorso in continuo divenire, nato da una grande passione per il disegno e per la sartoria, ma allo stesso tempo caratterizzato da un insieme di contaminazioni derivanti da differenti attività oltre che da collaborazioni in diversi ambiti. Nel corso di questi anni ho preso parte all’ideazione e alla realizzazione di progetti eterogenei come videoclip, eventi culturali, creazione di oggetti particolari su commissione e merchandising… un insieme di attività che hanno stimolato molto la mia creatività. Il mio progetto Creaturas inizia ufficialmente a Firenze, cinque anni fa. Tutto è accaduto inseguito all’incontro con la mia maestra, la signora Paola, che con pazienza e la passione mi ha insegnato un metodo sartoriale tradizionale, che ha abituato “la mia mente e le mie mani” alla dedizione e alla lentezza, elementi necessari per lo svolgimento di un lavoro fatto a regola d’arte. Poi un giorno, probabilmente (e tempo) un po’ per gioco, non sapendo cosa regalare ad un amico, confezionai per lui un cuscino patchwork (al quale sono molto affezionata)… ecco, questa è stata la prima vera ed effettiva “creatura” che ho creato appositamente per qualcuno. Da quel momento le mie creature sono diventate spesso dei doni, che realizzavo e regalavo in ogni occasione utile. Col passare del tempo e con l’affinarsi della mia tecnica questa passione/attività si è sviluppata sino a trasformarsi poi in richieste su commissione, soprattutto nell’ambito dell’arredo.”

34963045_1664859396965560_362021126932529152_o

Creatura, un brand che nasce dalla passione per la moda, ma con una forte attenzione all’etica. Parlaci del tuo marchio e di questa tua forte scelta e visione imprenditoriale incentrata sulla volontà di dar vita ad un brand sostenibile… “Creaturas rappresenta il mio vero universo creativo, fatto di forme lineari “pure” (così come amo definirle) e composizioni armoniche di colore. Questi elementi rappresentano attitudini stilistiche date dalla mia formazione artistica e dal mio profondo amore per le simbologie geometriche ed eleganti dell’artigianato sardo. Creaturas è infatti una parola che in sardo indica la fanciullezza, l’essere bambina. Io sono stata guidata da questa suggestione che ho scelto volutamente per identificare creazioni dotate di anima propria, un’anima pura ed etica, dove il processo creativo le genera come delle nuove creature. Uso stoffe di recupero, tessuti ed elementi naturali, un insieme di elementi in linea con il mio modo d’essere, caratterizzato da un profondo amore per la natura.”

28953723_1592431340875033_5878116695954098076_o

Come unisci moda ed etica? “Moda ed etica sono due elementi che convivono in maniera armoniosa e sperimentale nel mio immaginario creativo: la scelta delle stoffe naturali si sviluppa con le idee e si contamina con l’inserimento di materiali eterogenei come il legno e il sughero, la fibra di fico d’India o le bacche d’eucalipto talvolta… un insieme di materiali che raccolgo in modo non invasivo e che diventano nelle mie creature delle piccole decorazioni o elementi funzionali.”

Presentaci il progetto alla base di Creaturas…“Creaturas nasce da un’esigenza espressiva. Il disegno di moda e la sartoria sono il mezzo espressivo a me più congeniale. Vedo nella moda come una vera e propria arte fatta di estro, creatività e maestria, una sorta di magia che porta le idee nate prima su carta ad adattarsi alle forme del corpo, che diviene il supporto ideale e il tramite vivente delle idee stesse. Creaturas vuole essere una forma d’arte viva e tangibile.”

28700998_1573344479450386_6697905828191890734_o

Parlaci della scelta dei materiali… “Credo che la natura sia un dono, un elemento che da sempre ci fornisce tutto ciò di cui abbiamo davvero bisogno. Il lino e la canapa, per esempio, rappresentano solo alcuni dei prodotti generati da un processo quasi magico, un processo che trasforma lo stelo della pianta in un filo. Questo evolversi, trasformarsi mi affascina e mi incanta. Sinceramente seleziono e scelgo i materiali sulla base dell’ispirazione di quel dato momento, ma è il tatto il vero senso che mi guida principalmente. Sai, adoro toccare le stoffe e poterne testare, sentirne la porosità o la morbidezza… In particolare, prediligo le stoffe grezze dalle trame irregolari ed evidenti. Il mio occhio è sempre molto attento poi mi aiuta nella scelta dei colori, preferendo soprattutto le tonalità della terra: i beige, i bruni, gli ocra, i marroni che assemblo in maniera armoniosa con colori più vivaci.”

18278663_1281644655287038_1683414336425605829_o

Quali sono le principali sfide e difficoltà che una fashion designer emergente come te deve affrontare quotidianamente? “Le sfide che devo affrontare nella quotidianità sono legate principalmente alle paure che si generano ogni qualvolta si vuole e decide di intraprendere un’attività propria. Ci sono differenti tipi di paure come quelle di tipo burocratico ed economico (le maggiori), ma queste non freneranno (e non frenano) di certo il mio forte desiderio di portare avanti e di costruire questo sogno.”

13417415_988855107899329_7218664918967868274_n

Progetti per il futuro? “In un futuro non troppo lontano immagino la mia piccola bottega o atelier pieno di stoffe… il mio luogo dove poter creare ed accogliere le persone offrendo loro una tazza di thè mentre osservano e scelgono la loro creatura… desidero che le persone che vengono presso il mio atelier abbiano la possibilità di sentirsi a proprio agio, a casa. Se devo essere sincera mi piacerebbe portare avanti questo sogno in modo libera, aperta alle numerose contaminazioni e alle suggestioni del momento, alle sperimentazioni con materiali sempre nuovi (come ad esempio le stoffe derivate dagli scarti del latte, dell’ananas o dell’uva… alcuni esempi di bellissime realtà ad oggi già esistenti e in crescita ed affermazione), ma soprattutto aperta alle collaborazioni, al nutrimento reciproco delle idee. Sono fortemente convinta che il confronto, lo scambio e la bellezza del realizzare, del creare insieme costituisca un approccio positivo ed arricchente, che ci permette di sentirsi grati di quello che siamo e facciamo ogni giorno.”

13327573_983753171742856_7072832934724595686_n

Attualmente dove possiamo trovarti e acquistare le tue creazioni? “Ad oggi potete trovare le mie creazioni in esposizione in due negozi della Sardegna e presto anche sul mio piccolo shop su Etsy.com che sto preparando…. Quindi state aggiornati!”

19 commenti su “Creaturas la mia forma d'arte viva, Elisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto