I problemi della catena di fornitura

I problemi della catena di fornitura

L’industria della moda si basa su un sistema di produzione obsoleto che è soggetto ad  interruzioni. Con molte pratiche rimaste invariate per più di 50 anni, le filiere della moda non sono né reattive né sufficientemente sostenibili. Con i marchi alla ricerca dei prezzi più bassi, le pratiche di produzione si sono frammentate poiché i marchi esternalizzano sempre più la loro produzione a reti tentacolari di fornitori nei paesi in via di sviluppo. Il numero di fabbriche è cresciuto a dismisura, insieme al subappalto non autorizzato.

Allo stesso tempo, gli stalli logistici e le pressioni macroeconomiche continuano a pesare sull’offerta globale. La guerra in Ucraina ha imposto la deviazione del commercio e ha innescato una crisi energetica, mentre i sistemi portuali obsoleti in tutto il mondo stanno creando colli di bottiglia nei trasporti. L’inflazione globale ha fatto aumentare i costi di input – i prezzi del cotone e del cashmere sono aumentati rispettivamente del 45% e del 30% su base annua nel 2021 – e le condizioni meteorologiche estreme stanno colpendo le economie in via di sviluppo come il Pakistan dove, oltre alla tragica perdita di vite umane, ben il 45% dei raccolti di cotone del paese è stato spazzato via dalle inondazioni nell’agosto 2022. Pertanto, più della metà dei dirigenti della moda nello Stato BoF-McKinsey of Fashion 2023 Survey ha identificato le interruzioni della catena di approvvigionamento come uno dei principali rischi che ostacolano la crescita dell’economia globale nel 2023.

Nel frattempo, l’indebolimento della domanda dei consumatori sta facendo sì che molti marchi riducano il volume degli ordini, comprimendo i ricavi dei produttori. In un sondaggio McKinsey del 2021 sui direttori degli acquisti di abbigliamento, il 66% ha dichiarato di prevedere una maggiore volatilità della domanda dei consumatori. Se queste e altre pressioni continueranno, i margini della produzione di abbigliamento dovrebbero ridursi di 10 punti percentuali entro il 2030.

Tra le diverse fonti di pressione sulle filiere della moda, il sistema comincia a mostrare segni di cambiamento. Per rendere le loro organizzazioni a prova di futuro, i produttori si stanno adattando alle esigenze dei marchi di moda che cercano maggiore flessibilità e tempi di consegna più brevi in ​​modo da poter far fronte a rapidi cambiamenti nella domanda dei consumatori e interruzioni logistiche imprevedibili. Grazie a una maggiore digitalizzazione, si appoggeranno a nuovi modelli di supply chain basati su sistemi di integrazione verticale, nearshoring e on-demand.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto