Il viaggio

Il viaggio

Il viaggio [a cura del nostro amico Fabio]

Nella Bibbia il viaggio è un tema ricorrente dall’Antico al Nuovo Testamento: l’essere umano non resta uguale a se stesso ma cambia col tempo, non resta fisso dov’è ma si sposta, per seguire un Dio, per cercare di migliorare la sua condizione, per il meglio, per cose più grandi, come si suol dire con un’esclamazione: “Ad maiora”.

Dio chiama e per chi lo ascolta promette meglio del presente, promette il meglio in assoluto, per cui chi lo ascolta riceve il centuplo già quaggiù.

Dio parla ad Abramo all’inizio della storia della salvezza, l’iniziativa è di Dio, è sempre Dio che ti cerca per mostrarti qualcosa di bello.

Nel viaggio si cresce, si vedono luoghi, si incontrano persone: attraverso l’altro io mi confronto, scopro nuovi punti di vista, imparo, accresco le mie conoscenze, trasmetto delle idee, metto in discussione le mie idee, sperimento un nuovo approccio al tutto. Incontro Dio negli altri: ogni persona che incontro è Dio che mi sta passando accanto, che si relaziona con me: la scelta poi è mia, se parlarci o meno, se ascoltarlo o meno, se ignorarlo o considerarlo, se esserci o fuggire, se mettermi in gioco o stare solo a guardare gli altri, se lasciarmi cambiare dall’altro o restare fedele a me stesso.

Il popolo d’Israele ha camminato 40 giorni e 40 notti nel deserto prima di arrivare alla terra promessa, un luogo dove scorrono latte e miele. 40 giorni di cammino esemplifica tanto tempo di conoscenza, di scambio di opinioni, di riflessione su di sé e sulla vita, un cammino di discernimento simile a quello che la c.d. gente spirituale intraprende in certi periodi della vita per capire maggiormente quale sia la propria strada, quali siano i propri desideri e in che direzione decidere di scegliere per la propria vita. Gli esercizi spirituali per S. Ignazio di Loyola sono un cammino di comprensione, un dialogo tra me e Dio, per immedesimarmi nei vari momenti del Vangelo, i vari momenti della vita di Gesù e capire, chiedermi un po’ io come mi comporto, io cosa avrei fatto, io cosa avrei provato e come avrei risposto alle domande e alle provocazioni che mi fossero state poste se avessi avuto la possibilità di vivere la vita vissuta da Gesù, il modello di tutte le perfezioni e il meglio del meglio per chiunque.

Nel viaggio, esterno verso un luogo e interno verso uno stato di vita, io scopro qualcosa, divengo partecipe e cosciente di qualcosa di differente rispetto al passato, cresco, muto, mi ricreo e sviluppo nuove potenzialità, prima sopite o cmq non conosciute. La Bibbia è un po’ la Parola di Dio, la voce del Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe che si esplicita e si rende presente in noi, per essere ascoltata e seguita, per metterci in discussione e farci capire se ci piace la vita che stiamo facendo o meno, se possiamo essere maggiormente felici o meno, se vogliamo esserlo soprattutto maggiormente felici o no.

A Medjugorje la Madonna appare per dire che il Regno di Dio è vero, è attuale, è presente in ogni momento della vita se ci comportiamo bene con bontà e amiamo, indica che il Paradiso è già qui in terra se vogliamo crearlo e viverlo, scegliamo noi cosa creare, qui e nell’aldilà. Nell’aldilà si vivrà come avremo vissuto di qui: con correttezza, onore, bontà, mansuetudine, vicinanza, accoglienza, operando la pace, volendo il bene altrui, o viceversa se avremo cercato l’opposto che non dà gioia.

Auguro di scoprire i soggetti che ci fanno partecipare a questo viaggio dell’anima, che ci propongono modelli o esempi, o cmq che si rendono presenti come passi nel lungo e bel percorso della vita, per esserci amici e portarci per un po’ di strada lo zaino della vita, dandoci la gioia di assaporare e gustare già qui il bello della vita, la socialità, presupposto della vita eterna futura, desiderabile da chiunque.

Perciò AMDG, che sta per Ad Maiorem Dei Gloriam, per la maggior gloria di Dio, dove per gloria di Dio significa la felicità di tutti gli esseri umani, dunque auguro di vivere e far sì che tutti possano vivere la maggior felicità possibile su questa terra, e per converso nell’aldilà bellissimo della Terra eterna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto