Livia, perché noi donne siamo “guerriere”…

Livia, perché noi donne siamo “guerriere”…

Non riesco a non desiderare di conoscerla non appena vedo le sue creazioni. Grinta ed eleganza sono gli aggettivi che sin dal principio associo ai suoi gioielli.
Romana, classe ’81, eccola, è lei, Livia Bonnani la founder e fashion designer di Ellebì.
Sebbene si definisca una sorta di “neo arrivata” nell’ambito della moda, in considerazione della sua breve diretta esperienza, le sue creazioni sono il risultato di mani e menti esperte che hanno lavorato, studiato, provato e ricercato. Ellebì è un brand nuovo, ma offre una gamma di gioielli che si distinguono per personalità e pathos. Ogni creazione è stata voluta e pensata, approfondita da Livia nei minimi dettagli…

Conosciamo insieme Livia…

Come è nata la tua passione per la moda e in particolare per la moda/gioielleria… “La mia passione per i gioielli nasce proprio grazie al mio lavoro.  Una volta entrata in un’agenzia di comunicazione che si occupava di sponsorizzare nuovi brand, sono stata incaricata di seguire il percorso di crescita e di lancio di una ragazza che creava orecchini, il suo più che un lavoro era un hobby… la sua storia, lo “scontro” con questa realtà per me è stato un vero e proprio colpo di fulmine…”
3
Raccontaci l’inizio della tua carriera… “Quando ho lasciato l’agenzia di comunicazione per cui lavoravo, quattro anni fa ho deciso di mettermi in proprio, iniziando dalle basi. Ho così “divorato” interi libri che parlavano della storia e delle modalità di creazione del gioiello. Non ho solo studiato. Ho anche partecipato a fiere, visitato numerosi laboratori… ho praticamente “girato l’Italia” alla ricerca di spunti e idee…”
Come è nato il tuo brand?  “Ero alla continua ricerca di un gioiello unico che vestisse la donna facendola sentire una principessa. È stato nell’aprile di due anni fa ad un evento, quando ho conosciuto Grazia Marino e Antonio Falanga della P&G events. Il giorno seguente all’evento ho fissato un appuntamento con loro per proporgli la mia idea: vestire la donna con un gioiello scultura, pezzi unici fatti a mano; qualcosa che potesse essere completamente diverso da ciò che avevo visto… Tutto per caso, ma così è nato il mio brand. Dalle iniziali del mio nome e del mio cognome Livia Bonanni: Ellebì.”
2
Chi sceglie il tuo brand? Cosa vuoi comunicare tramite le tue creazioni? “Attraverso le mie creazioni vorrei esprimere e comunicare un concetto semplice, ma fondamentale: la donna moderna oggi deve essere quasi un “guerriera”… molte volte la complessità della vita, tra figli, lavoro e altri impegni, la porta a perdere la voglia di giocare con sé stessa… pero ogni donna deve essere pronta a ritorvare questa voglia e quindi deve battersi. Io rivaluto la donna e il suo “ritrovarsi” in questo modo ” indossiamo la nostra corazza” con grinta, ma anche con molta cura e dolcezza.
Parlaci della scelta dei materiali… “La scelta della maglia metallica è strettamente connessa a quanto voglio comunicare attraverso il mio brand e quindi, che la donna è una guerriera… La maglia metallica per me rappresenta il materiale migliore per questo scopo in quanto questo è un materiale utilizzato dai cavalieri crociati per difendersi, rivisitato nei primi anni 30 da Jean Patou e, in seguito, esaltato dalle magnifiche creazioni di Gianni Versace e Paco Rabanne… Inoltre, l maglia metallica è un materiale resistente, avvolgente ed in grado di esaltare la femminilità.!”
1
Quali sono le principali sfide e difficoltà che una fashion designer come te deve affrontare quotidianamente? “Sicuramente la maggiore sfida è riuscire a far capire a chi opera nel settore che un cambio di rotta ci può e ci  deve essere senza essere sopravvalsi dalla paura, dal timore di sperimentare.”
Ogni tuo pezzo è unico, pensato, voluto e realizzato con minuzia e dedizione. a quale linea/prodotto sei più legata? “Sicuramente sono legata in modo molto particolare  alla mia prima linea: Essential. Essential è stata una linea fortemente voluta, lo ammetto, ogni volta (ancora oggi) che la guardo me ne innamoro e il solo osservarla mi dona la giusta grinta e carica… Io credo che le mie creazioni non conoscono mezze misure, come il bianco e il nero, o piacciono, oppure non piacciono.”
A quale target di clientela ti rivolgi? “Il target a cui mi rivolgo è di tipo internazionale. Se analizzo i risultati sinora mi rendo conto di aver ottenuto dei buoni riscontri soprattutto tra le donne con un’età compresa tra i 30 e i 40 anni inglesi, francesi e americane. Per quanto riguarda l’Italia ho ottenuto un migliore riconoscimento e riscontro a Nord tanto che Torino e Milano rappresentano le città con cui ho più contatti.”
Progetti per il futuro? “Ora sto studiando all’ Accademia delle Arti Orafe a Roma; si sta rivelando un’esperienza stupenda che mi sta aprendo nuovi orizzonti e mi sta formando in maniera incredibile.”
Attualmente dove possiamo trovarti e acquistare le tue creazioni? “Direi che è molto semplice! Basta inviarmi una mail o contattarmi attraverso la mia pagina Instagram o Facebook! Inoltre, se volete richiedere un gioiello specifico o su misura, non esitate! Io son qui per esaudire il vostro desiderio…!”

29 commenti su “Livia, perché noi donne siamo “guerriere”…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto