Dal cuore dell’Italia, Monica

Dal cuore dell’Italia, Monica

Partiamo da cuore dell’Italia, da una terra a me molto cara, la Toscana per poi arrivare in Emilia Romagna.
Ripercorriamo la storia di Monica che per studio ha lasciato la sua regione natia trasferendosi in Emilia Romagna dove attualmente vive (l’amore l’ha legata a questa regione insieme allo studio)
Monica, laureata in Sociologia una branca che lei stessa definisce una “scienza meravigliosa, che mi ha permesso di diventare una professionista del settore delle risorse umane”, con una passione sfrenata per la creazione manuale di bijoux..
Eh si l’amore per la realizzazione di gioielli è diventata da alcuni anni la “protagonista principale” della vita di Monica in quanto è in grado di infonderle serenità, ricarica ed energia positiva, gratificandola.
Monica stessa definisce questa sua passione come una sorta di “Santo Graal”…

Conosciamo insieme Monica…

Come è nata la tua passione per la moda? Raccontaci l’inizio della tua carriera da artigiana… Hai una “fonte d’ispirazione” per la realizzazione dei tuoi gioielli? Se si chi/cosa?   “Il lavoro manuale è entrato nella mia vita in momento di passaggio, forse di crisi personale. Stavo cercando di far chiarezza e di capire se la strada che avevo intrapreso fosse realmente quella che faceva per me. In quel caos, per caso (o forse per noia…chissà!?), ho iniziato ad affiancare mia mamma quanto usava la macchina da cucire, l’uncinetto o i ferri da maglia, o semplicemente ago e filo: la osservavo attentamente per imparare i segreti di tanta manualità. Desiderosa di scoprire di più di questo mondo, mi sono iscritta a dei corsi in una scuola superlativa, fatta di persone altrettanto meravigliose, per imparare le tecniche. Nei momenti liberi facevo delle collane solo per me, perché mi piaceva avere accessori di tanti colori da abbinare ai miei maglioni ma che fossero originali e che trasmettessero emozioni vere: le mie. Volevo far parlare tutti quei cristalli che mi mettevo intorno al collo, imprimere in ogni punto che davo tutto quello che mi era passato sottopelle e nel cuore durante le giornate che avevo vissuto. Credevo che nessuno se ne sarebbe accorto. Ed invece, con grande sorpresa, le persone hanno iniziato a chiedermi dove avevo comprato quegli accessori tanto belli, a chiedermi di creare anche per loro qualcosa di speciale. Insomma, ho iniziato ad essere “riconosciuta” come una creativa, se non pecco di presunzione a definirmi così. Questa è stata una delle gioie più grandi della mia vita.
Cosa significa per te “creare” i tuoi bijoux/gioielli? “Creare gioielli è diventata la mia più grande passione. Il mondo improvvisamente si ferma e tutto torna in equilibrio non appena prendo in mano ago e filo ed inizio ad infilare, una dopo l’altra, tutte le pietre che andranno poi a comporre la collana su cui ho fantasticato tutto il giorno nella mia mente. È un’attività altamente gratificante, nonché assolutamente terapeutica. Da quanto mi dedico a questa “arte” vivo una vita molto più serena e mi sento in pace con me stessa. Ho imparato ad accettarmi di più, ad essere molto più sicura di me stessa e, soprattutto, a volermi più bene. Curare questa passione mi ha fatto arrivare alla piena consapevolezza di essere stata, per molti anni, la più grande nemica di me stessa. Ora sono una donna nuova, diversa, migliore. Con una forte dipendenza per la creazione di bijoux.”


Chi sceglie i tuoi accessori? “Scelgo tutto io e “dò sfogo” al mio estro a seconda della giornata. Le miei creazioni non hanno tutte un unico stile. Quando qualcuno mi commissiona qualche prodotto, cerco di trovare accessori che siano il più possibile in linea con la persona che poi dovrà indossarli. Spesso alcuni mi chiedono di costruire un gioiello partendo da un ciondolo che gli piace particolarmente, o di rispettare una tonalità di colore specifica: in questi casi cerco di seguire il mio gusto ma in armonia con le preferenze della persona che mi ha chiesto di realizzare qualcosa per lei.
Quali sono i gioielli che prediligi creare e a cui sei maggiormente legata? “Sarò banale, ma adoro creare tutti i tipi di gioielli ed ammetto di essere legata ad ogni creazione che ho avuto il piacere di produrre. Ognuna di loro per me rappresenta un ricordo di quello che ho vissuto ma, al tempo stesso, è una grande spinta verso il futuro perché so che toccherà altre pelli, sentirà altri cuori, vivrà nuove esperienze e quindi…avrà nuova vita!”
Quali sono le principali sfide e difficoltà che una artigiana come te deve affrontare quotidianamente? “La sfida più grande è il tempo. Lavorando a tempo pieno, avendo una famiglia, portare avanti altre attività risulta difficilissimo. Il tempo non basta mai, soprattutto quanto si adora fare qualcosa. Anche farsi conoscere non è facile: si deve lavorare tanto per farsi capire, apprezzare e soprattutto per riuscire ad emergere a palesare quel “quid” in più che vorresti ti distinguesse dagli altri.”

Parlaci dei tuoi progetti in corso… “A dicembre parteciperò ad una piccola fiera organizzata in città. Per lo più è un mercatino dell’usato in cui spero spicchi il mio piccolo cammeo di gioielli. Sono molto fiduciosa e anche molto spaventata perché é  la prima uscita ufficiale in cui ci metto “la faccia”.”
Attualmente dove possiamo trovarti e acquistare le tue creazioni? “Su Instagram sul mio profilo (@_filoderba_) o su facebook (Filo D’Erba). Chiunque fosse interessato può scrivermi in privato all’indirizzo filoderbacreazioni@gmail.com oppure su Direct in Istagram o su Messenger in Facebook. Il 17 Dicembre sarò alla “Fiera del riuso” di Forlì. Per info: http://www.commerciantiper1giorno.it/

3 commenti su “Dal cuore dell’Italia, Monica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna in alto